Migliori registratori vocali: registratori con microfono integrato, prezzi, opinioni, recensioni

Il registratore vocale è uno strumento che serve per registrare un suono, per poi riprodurlo successivamente e ascoltarlo più e più volte.

Caratteristiche generali del prodotto

Il registratore vocale, serve appunto, per registrare i suoni e tutte quei minimi particolari o gradazioni di suono che, se non fossero registrate, andrebbero perse. Questo particolare oggetto, si presenta come un piccolo strumento professionale di un peso di circa 70 grammi e dalle piccole dimensioni, di  circa 12 centimetri.

Molto spesso, possiamo trovare anche registratori molto più piccoli, che vengono utilizzati però, come registratori spia. Il registratore spia può essere inserito all’interno di una penna, di una collana o di qualsiasi altro oggetto. Questo tipo di registratori sono molto utile anche quando non si vuole stare tutto il giorno con il registratore in mano o ci servono ad esempio, le mani libere per prendere appunti.

Parliamo di display e di tasti

Il registratore vocale nella parte anteriore può avere un piccolo display.

Il display  serve per vedere quanti minuti stiamo registrando, l’orario, il calendario ma anche se abbiamo messo in pausa. Se non ci preoccupa tanto la grandezza dell’oggetto, consiglio di acquistarlo con il display perchè può sempre essere utile avere sotto controllo l’andamento della registrazione.

Abbiamo anche dei tasti molto utili per il funzionamento del dispositivo. Sotto il display troviamo il tasto: play, pausa e stop. Mentre ai lati del nostro dispositivo, solitamente troviamo sicuramente quelli del volume, per accendere e spegnere e il tasto reset. Il tasto reset serve per cancellare tutti i file che abbiamo registrato. Abbiamo sempre cura di non cliccarlo accidentalmente per non avere poi, spiacevoli sorprese.

Troviamo infine, una piccola cassa per poter riascoltare ciò che abbiamo appena registrato. Infatti, il nostro registratore vocale ci da la possibilità di ascoltare ciò che abbiamo appena registrato sia normalmente con la cassa, che inserendo le cuffie nell’apposito jack. Ovviamente l’audio, è possibile ascoltarlo comodamente anche dal pc, una volta scaricato. Se vogliamo questa particolarità controlliamo che il registratore che stiamo acquistando ce l’abbia. Perché, non tutti hanno la possibilità di ascoltare l’audio appena registrato direttamente dal dispositivo.

Cosa troviamo all’interno della confezione?

All’interno della confezione oltre al registratore troviamo il cavo USB che serve per collegare il nostro registratore al pc. Molto spesso lo stesso cavo è utile anche per poter ricaricare il nostro registratore vocale.

Quando andiamo a comprare il registratore assicuriamoci che sia compatibile con il sistema operativo che abbiamo nel nostro computer. Solitamente però, quasi tutti i registratori sono compatibili sia con Windows che con  Mac. Ovviamente preoccupiamoci anche di controllare la versione del sistema operativo. Se disponiamo di un sistema operativo un po’ datato, i nuovi registratori potrebbero non essere compatibili.

Microfono: integrato o no?

Il registratore vocale, a differenza di qualsiasi altro dispositivo per registrare un suono, ha un microfono eccellente. La registrazione effettuata da un registratore vocale non possiamo paragonarla a registrazioni fatte con altri dispositivi perchè, la qualità è nettamente superiore. Questo tipo di microfono è in grado di registrare anche i rumori più lievi con molta più precisione.

Il microfono di un registratore vocale che sia integrato oppure no, deve avere ovviamente, delle determinate caratteristiche. Perché, quando andiamo a registrare qualcosa, che sia un audio o una voce è importante che il suono sia chiaro. Durante la fase di ascolto dell’audio non dobbiamo fare fatica nel sentirlo ed è in questo che si differenzia un microfono non buono da uno buono.

Qui di seguito perciò, andiamo ad elencare le tre caratteristiche principali che ogni microfono che si rispetti, deve avere.

  • la riduzione dei rumori
  • la registrazione a distanza
  • la regolazione sensibilità

Vediamo le differenze tra i due microfoni.

Microfono integrato

Una cosa che hanno in comune tutti i registratori vocali con microfono integrato è la riduzione del rumore.

La riduzione del rumore è molto importante quando dobbiamo registrare in un luogo abbastanza ampio e potrebbero esserci dei rumori di disturbo che potrebbero rovinare la qualità del audio. Immaginiamoci di trovarci in una grande aula dell’università e dobbiamo registrare una lezione. Sicuramente in quel caso ci servirà un registratore che riduca al minimo il rumore. Il rumore può essere derivato dal chiacchierio di sottofondo o qualsiasi altro tipo di rumore, come ad esempio, il rumore di un pacco di patatine che viene aperto.

Una situazione diversa può essere ad esempio all’aria aperta. Quando ci troviamo all’aperto ovviamente, la riduzione del rumore può venire in nostro aiuto. Eliminerà infatti, tutti quei rumori che potrebbero disturbare il suono reale che vogliamo registrare. I rumori che potrebbero disturbare sono ad esempio, cinguettio degli uccellini o dei rumori di macchine in lontananza.

Selezionando l’opzione di riduzione del volume nel nostro registratore vocale, diremo al microfono di concentrarsi solo  sulla registrazione, ad esempio, della persona che sta parlando e che abbiamo necessità di registrare. Quando poi andremo a riascoltare l’audio ci accorgeremo che la voce di chi stava parlando è molto più forte e chiara dei piccolissimi rumori di sottofondo che avrebbero potuto disturbare l’audio.

Microfono esterno

Se abbiamo bisogno invece, di registrare in modo professionale sicuramente abbiamo bisogno di un microfono esterno. Il microfono esterno ci permetterà di fare anzitutto le registrazioni a distanza ma soprattutto, ci permetterà di regolare la sensibilità del suono. La registrazione a distanza è un punto dolente dei microfoni incorporati ed è per questo che è meglio utilizzarne uno esterno.

Se sappiamo già che le nostre registrazioni avranno luogo in spazi molto ampi e molto lontani da chi sta parlando, il microfono esterno sarà la nostra salvezza. Qui entra in gioco anche la terza caratteristica: ovvero la sensibilità. Con il microfono esterno, siamo in grado di regolare la sensibilità e poterci permettere di registrare anche il rumore più basso.

Ingresso jack

Ricordiamo che il microfono esterno può essere collegato nell’ingresso jack da 3.5 mm. Il registratore vocale infatti, ha un ingresso jack che può essere utilizzato sia per collegare delle normalissime cuffie sia appunto, per collegare il microfono esterno.

Queste caratteristiche renderanno la nostro registrazione di alta qualità. Per rispondere poi alla domanda del titolo, la risposta è soggettiva. Scegli in base all’uso abituale del registratore. Se devi farne un uso professionale scegli il microfono esterno, se no va benissimo il microfono integrato che comunque ricordiamo ha delle prestazioni eccellenti.

Meglio un registratore analogico o digitale?

Quando si va ad acquistare un registratore vocale, oltre a controllare le caratteristiche principali del dispositivo dobbiamo anche decidere se acquistare un registratore vocale analogico o digitale.

Parliamo un po’ del mondo dei registratori vocali analogici

Il registratore vocale analogico che si serve di una cassetta per registrare le sue tracce. Perciò, a differenza di quello digitale, quello analogico non ha una memoria interna di cui servirsi ma ha bisogno di una cassetta con nastro dove registrare le sue tracce audio.

Per intenderci, il registratore analogico è un oggetto, abbastanza datato. Ancora molto in uso in realtà tra tutti quei tradizionalisti che di registrazione analogica non ne vogliono proprio sapere. Il registratore analogico però è abbastanza limitato. La sua memorizzazione dei file si basa tutto su delle cassette a nastro. Ovviamente le cassette a nostro non possono memorizzare molti file audio e si limitano quindi a poche tracce. Quelli che si trovano in commercio riescono a registrare da 6 a massimo 8 tracce.

I registratori vocali analogici hanno un peso abbastanza importante. Infatti, il nostro registratore può arrivare a pesare anche 300 grammi. A differenza di quello digitale si parla di dimensioni che si aggirano intorno ai 15 cm. Il registratore è di forma rettangolare e non è di certo il tipico oggetto che si perde all’interno della borsa. Se vogliamo poi registrare in modo discreto, il registratore vocale analogico non è proprio l’oggetto che fa al caso nostro.

Il jack e la batteria

Una caratteristica importante che ha anche il registratore analogico è  l’entrata jack da 3.5 mm. In questa entrata jack è possibile anzitutto, inserire le nostre cuffie per ascoltare la registrazione che abbiamo appena fatto. La possibilità di inserire le cuffie è un’opzione da non sottovalutare visto che questo tipo di registratore non ha la possibilità di ascoltare le tracce registrate, perchè non è dotato di casse integrate.

Poi, in aggiunta è possibile inserire anche, un microfono esterno. Il microfono integrato funziona molto bene perchè riesce quasi ad eliminare il rumore e a registrare anche a lunghe distanze. Il registratore vocale di tipo analogico si alimenta solo ed esclusivamente tramite delle pile alcaline, solitamente 2 di tipo AAA  sia ricaricabili che non.

Il registratore è anche dotato di una porta USB che permette di trasferire i file, registrati nella casetta direttamente nel nostro pc. Controlliamo, come detto prima, il sistema operativo perchè questo tipo di registratori potrebbero non funzionare con le nuove versioni dei sistemi operativi di Windows e Mac.

Differenze con il registratore vocale digitale

Per quanto riguarda invece, il registratore digitale, dobbiamo fare  riferimento alla descrizione riportata qui sopra, all’inizio della pagina. Aggiungendo solo che, molti registratori di tipo digitale hanno la possibilità di inserire una scheda SD al loro interno. Questo espanderà la memoria del registratore e renderà nel caso, anche il trasporto dei file molto più veloce.

Ricordiamo però, per chi non lo sapesse, che non tutti i registratori vocali digitali, hanno la possibilità di espandere la loro memoria. Perciò, se abbiamo bisogno di una memoria esterna controlliamo che il registratore che stiamo acquistando possa espandere la sua memoria con una scheda SD. Una volta controllato se possiamo inserire la nostra memoria esterna, dobbiamo controllare quanti GB supporta il nostro registratore. Solitamente è possibile inserire una memoria esterna da massimo 32 GB.

Formato file: l’importanza di conoscere i vari formati disponibili

Il registratore vocale quando registra i suoni e gli audio li registra in un formato, che serve utilizzare meno memoria possibile. Una volta che decidiamo di trasferirli nel nostro pc, i file vengono convertiti poi, in dei formati leggibili appunto dal pc. Questa operazione ci permette poi di poter salvare e conservare i nostri file audio per poter poi essere riascoltati tutte le volte che si vuole.

I registratori vocali digitali si servono di parecchi tipi di formati per registrare gli audio. Chi più chi meno utilizza dei formati che non occupino molta memoria quando poi si vanno a salvare. I formati più diffusi dai registratori vocali digitali sono essenzialmente tre:

  1. mp3
  2. WAV
  3. PCM lineare

Il formato MP3 è il formato audio in assoluto, più utilizzato. Quando andiamo a registrare un formato file sicuramente quello che andremo poi a vedere nel nostro pc sarà questo. Il formato mp3 è il più utilizzato perchè tra tutti è il meno pesante in assoluto e ci permette di ascoltare ore di registrazione senza che occupi tanti giga nella nostra memoria con una qualità abbastanza discreta.

Per quanto riguarda il formato WAV è formato audio che è stato sviluppato da Microsoft e IBM. Questo tipo di formato, è utile soprattutto per memorizzare e ascoltare file nel pc. In sostanza, se abbiamo un computer Windows sicuramente, la  nostra traccia audio verrà letta in questo tipo di formato. Se la vogliamo in un altro formato, dovremo convertila.

L’ultimo formato infine, è il formato PCM lineare. In breve, questo tipo di formato, è un formato di audio, appunto, lineare che non ha la possibilità di avere degli effetti. Quando andremo perciò, ad ascoltare questo tipo di audio, avremo un audio non compresso e privo di alcun effetto sonoro. Questo tipo di registrazioni sono spesso usate quando si ha la necessità di avere una registrazione di ottima qualità.

Batteria: sfida tra pila e litio

Il registratore vocale che sia digitale o analogico ha bisogno delle batterie. Ci sono due tipi di batterie che vengono utilizzate per i registratori. Abbiamo le batteria alcaline e le batterie a litio.

I registratori con le pile alcaline hanno solitamente bisogno di pile AAA. Queste possono essere sia ricaricabili che no. Se dobbiamo effettuare tante ore di registrazione è bene utilizzare quelle ricaricabili. Questo aiuterà sia noi, che l’ambiente. Le pile ricaricabili possono fare tantissimi cicli di ricarica e portandoci il nostro caricatore dietro possono essere sempre ricaricate in caso di bisogno. Possiamo trovare in commercio pacchi di pile davvero convenienti, ed è sempre meglio portarne con se sempre un paio di riserva. Questo tipo di pile, con una ricarica completa possono fare circa 20 ore di registrazione senza interruzioni.

Per quanto riguarda le pila a litio, la sua comodità non la batte nessuno. Infatti, questo tipo di pile non hanno bisogno di essere cambiate ma con una sola pila possiamo fare tantissimi cicli di ricarica. La pila alito può fare circa 160 ore di registrazione nel formato a basse prestazioni e circa 20 ore di registrazione a massime prestazioni. La pila a litio è inclusa con il registratore e una volta caricata potremo iniziare a registrare. La comodità di questa batteria è che potremo ricaricarlo nel momento del bisogno anche con una semplice power bank.  Una cosa da non sottovalutare è che, questo tipo di pile, permettono di fabbricare registratori molti più fini, piccoli e discreti.

Il prezzo

Quando andiamo ad acquistare un prodotto non dobbiamo basarci solo sul prezzo. Soprattutto, per i registratori vocali, oltre al prezzo come abbiamo visto, abbiamo bisogno di basarci su tutte le caratteristiche principali che ci può offrire quel prodotto. Perciò, qui andremo ad analizzare il prezzo del registratore basandoci su i migliori prodotti che rispondono a tutte le caratteristiche descritte qui sopra. Andremo anche a capire quali sono le migliori marche per farci un’idea un po’ più dettagliata sul prodotto.

Vediamo un po’ insieme come scegliere il migliore in base, appunto, al prezzo.

Prezzo del registratore vocale analogico

Se siamo decisi ad acquistare un registratore vocale analogico dobbiamo prepararci a spendere qualche euro in più rispetto al normale. I registratori antologici, per la loro funzionalità e particolarità hanno un prezzo minimo che si aggira intorno ai 100 euro ed un prezzo massimo che si aggira intorno ai 300 euro.  Nel caso di questo tipo di registratori, il prezzo varia molto in base a quante tracce è possibile registrare.

Di registratori vocali analogici ne troviamo davvero pochi. I migliori per fascia di presto e prestazioni possiamo trovarli sotto la  marca Tascam. Questo tipo di registratori hanno la caratteristica di registrare  dalle 6 alle 8  o addirittura 32 tracce. Per un uso altamente professionale, questo tipo di prodotto è sicuramente consigliato.

Prezzo del registratore vocale digitale

Per quanto riguarda i registratori vocali digitali il prezzo scende notevolmente. Abbiamo dei registratori vocali che hanno un prezzo minimo di 35 euro e registratori vocali che hanno un 100 euro come massimo prezzo. Di questo tipo di registratori ce n’è davvero per ogni gusto e ogni fascia di prezzo.

I migliori registratori digitali per qualità di prodotto e di ottima fascia di prezzo sono quelli che hanno come marca la Sony, l’Olympus o la marca citata prima, appunto, la Tascam. La marca Sony ad esempio, produce sia registratori con le pile alcaline sia con le pile al litio. Perciò, se abbiamo deciso di comprare questa marca possiamo avere a disposizione due scelte, per quanto riguarda il tipo di batteria.

Chiara Lonzi

Mi considero una persona pratica. Mi piace applicare le funzionalità delle nuove tecnologie alla vita di tutti i giorni

Back to top
menu
miglioriregistratorivocali.it