Fattori decisivi per l’acquisto di un registratore vocale: cosa bisogna valutare?

Malgrado le app siano eccezionali ed eterogenee negli smartphone di ultima nascita, anche il meno esperto dei principianti nel settore riconoscerà che l’utilizzo di un dispositivo specifico per la registrazione della voce stabilisce la differenza qualitativa. Ma quali siano i fattori da valutare prima di compiere un acquisto? Lo analizziamo insieme attraverso queste righe che altro non desiderano che indurvi a qualche riflessione. Partiamo dall’elemento compattezza.

Registratore vocale: la compattezza

La classifica dei prototipi più ricercati è guidata da quelli più compatti che consentono il trasporto con praticità in ogni situazione. Questo perché un registratore vocale solitamente si usa in esterno ma anche in luoghi non proprio quieti; lo usiamo per registrare una lezione, un dialogo da suggellare, una conferenza. Le recensioni mettono spesso in grande evidenza la maneggevolezza dell’apparecchio accordata alla facilità con cui è possibile usarlo. Pochi pulsanti e funzioni ben identificabili rendono l’utilizzo di questi dispositivi molto facile e tempestivo.

Altro elemento da non trascurare è la modalità con cui avviene il trasferimento dei dati ottenuti sul PC. Più è facile, minore sarà la complessità dell’operazione da svolgere in un secondo momento per annotare la traccia sonora. I modelli che hanno l’uscita USB integrata elargiscono l’uso veloce del sistema, ma anche le altre soluzioni dotate di cavetto con cui incominciare la connessione sono analogamente valevoli.

I bit del registratore

La profondità di bit dei registratori, rispetto ai cellulari, aiuta a comprendere quanto sia elevata la disuguaglianza di volume quando registri; lo smartphone registra suoni a 8 bit per campione a differenza dei registratori audio digitali che esibiscono profondità a 24 bit.   La profondità di bit elenca l’ampiezza dell’onda sonora: una maggiore profondità di bit rileva un maggiore valore dinamico tra la parte più rumorosa e la parte più quieta dell’onda sonora.

Un registratore vocale semplice

La casa produttrice GHB ha progettato un registratore vocale davvero meritevole. Un prototipo che si fa favorire perché contiene le funzioni base di un registratore vocale e per giunta è economico. Il prezzo di certo incoraggia l’acquisto del dispositivo.

Offre una memoria di ben 8 gb e in dotazione avrai tanti accessori, tra cui un adattatore. Questo omaggio ti consentirà di collegare il tuo registratore vocale anche al telefonino in modo da registrare le conversazioni telefoniche. Presente il cavo usb per poter trasferire i file sul pc. Come modello essenziale e per usi non particolaristici è davvero ideale per chiunque voglia spendere davvero poco.

Un registratore vocale per un uso specifico

Il miglior registratore vocale ipotizzato sia per usi accademici che per usi giornalistici, è  stato pensato da Sony Lo abbiamo ritenuto degno di nota perché consente di organizzare i vari file registrati in liste e anche perché presume  il collegamento  tra registratore e pc.

La qualità dell’audio è davvero di rilievo, grazie all’alta sensibilità dei ricevitori che arrivano a “percepire” anche i toni più bassi.

Registratore vocale professionale basico

Se stai cercando un oggetto specifico da utilizzare in contesti professionali diretti all’arte oppure all’università puoi eseguire una ricerca sull’azienda Tascam. Propone modelli dall’autonomia di  17 ore e presenta pulsanti intuitivi che ne facilitano un uso semplice.

Registratore vocale professionale medio

Per la fascia mediana abbiamo eletto comunque la casa produttrice Tascam ma indirizzandoci su registratori più cari e più performanti quindi con uso di connettività wifi. Con questa peculiarità potrai dirigere il tuo registratore digitale anche a distanza, senza mai dover premere un tasto. Il tutto in modo facile grazie al tuo cellulare attraverso l’utilizzo di un’applicazione da scaricare.

Registratore vocale professionale sofisticato

Salendo di prezzo troviamo anche delle specialità superiori. A quale brand le stiamo attribuendo? Alla casa produttrice Zoom. La linea che permette di registrare fino a 4 tracce simultaneamente. E’ un tipo di registratore munito di preamplificatori di qualità per delle registrazioni audio proprio pregevoli.

Qualità del microfono

La qualità del microfono rinforzato dal registratore vocale è apertamente responsabile del buon esito della registrazione. Sul mercato esistono diverse visioni, ma la migliore firma è quella che dona un raggio d’azione contenuto entro pochi centimetri fino a circa 9 metri di sensibilità.

Il microfono è quasi sempre esterno e le sue caratteristiche tecniche lo devono riconoscere come in grado di individuare con precisione il suono da riportare sulla traccia da potere adoperare in un secondo momento. E’ comunque sempre bene sincerarsi della tipologia di microfono incorporata nel congegno.

Ingressi Usb 

L’immancabile entrata USB concede di mettere in comunicazione, senza intermediari, il registratore al pc; il cavo è inserito all’interno del dispositivo. Il registratore viene accertato come memoria esterna: da qui è possibile ricopiare file e cartelle spostandole sul PC.

L’ingresso per il microfono accorda di collegare un altro microfono in aggiunta a quello previsto per ingrandire il campo di registrazione e la proprietà complessiva dell’audio.

È possibile attaccare anche le cuffie che servono per monitorare la registrazione o ascoltarla con maggiore concentrazione anche in un ambiente che richiede la massimo assenza di rumori. 

Back to top
menu
miglioriregistratorivocali.it