Informazioni sui formati di registrazione di un registratore vocale

Alla ricerca di un registratore vocale, abbiamo sicuramente la necessità di acquistare un registratore vocale che abbia più formati di registrazione.

Vediamo insieme nel dettaglio i vari formati e Capiamo insieme come utilizzarli al meglio.

Registratore vocale: quanti formati esistono di registrazione?

Il registratore vocale, non è altro che uno strumento utile per la registrazione, di contenuti vocali. Per registrare abbiamo bisogno di una memoria che supporti quindi, i vari formati.

Molto spesso i registratori vocali hanno la possibilità di registrare in più formati, dal più pesante in alta qualità al meno pesante di bassa qualità. Questi formati sono:

  • WAV
  • MP3
  • AAC

I primi formati: formato WAV e AAC

Il primo formato di registrazione, ovvero il formato WAV è quello più utilizzato. Anche perché se acquistiamo un registratore vocale un pó datato ci troveremo a combattere con questo tipo di formato audio.

WAV è una sigla che significa Waveform Audio Fire Format ed è un formato audio digitale che per essere ascoltato sul pc dev’essere per forza convertito.

Questo tipo di file audio può contenere anche dei formati di audio compressi quello che però non può fare e contenere file troppo grandi. Ciò significa che il file deve avere una dimensione massima di 4 gb. Ricordiamo che 4gb sono circa 7 ore di conversazione registrata.

Parliamo ora del secondo formato, ovvero il formato mp3. Il formato mp3 è una sigla per indicare dei file audio che non si trovano nella loro forma originale ma sono compressi.

Il fatto che i file audio sono compressi ne riduce notevolmente lo spazio di memoria e ci permettono di ascoltare dei file audio abbastanza uguali all’audio originale.

Per far sì che un file audio sia in formato mp3, deve essere registrato con almeno 128 kb al secondo. Ciò significa che la velocità con cui viene riprodotto un file mp3 non deve superare questi kbit.

Ultimo formati:il formato audio AAC

Parlare di questo formato audio è molto importante. Stiamo parlando infatti del formato AAC audio. Questo formato è particolarmente importante se lo si trova all’interno di un registratore vocale significa che i nostri audio avranno una qualità davvero eccellente.Infatti, questo tipo di formato è stato inventato proprio dopo il formato audio MP3.

Cosa significa essere inventato dopo il formato MP3? Significa che è questo tipo di formato ACC avrà una qualità nettamente superiore a quella che siamo abituati a sentire con il formato MP3.

Questo non significa che dobbiamo scartare il formato MP3 quando andiamo a registrare un audio ma significa che se possiamo avere una qualità migliore è meglio convertire la nostra registrazione in questo tipo di formato.

Quale è il formato audio migliore?

Ma allora qual è il formato migliore che dobbiamo utilizzare se vogliamo fare una registrazione di alta qualità? Dopo tutte queste premesse e tutte le caratteristiche sui più importanti fai audio diciamo che rispondere non è tanto semplice ma, proveremo lo stesso.

Posso sicuramente dire con certezza che nonostante il formato MP3 sia il più conosciuto e il più utilizzato insieme al suo successore formato mp4, per la registrazione non è il massimo. Questo perché come abbiamo detto che il formato MP3 tende a fare audio compressi e quindi a non valorizzare la qualità dell’audio.

Mentre per quanto riguarda gli altri due formati diciamo che se li troviamo in un registratore vocale possiamo ritenersi abbastanza fortunati. Anche perché, il formato WAV anche se è il più utilizzato non sempre viene inserito all’interno dei registratori vocali che hanno un prezzo abbastanza basso.

Se poi vogliamo trovare l’altro formato ovvero, quello AAC, sicuramente dovremmo effettuare una ricerca abbastanza importante soprattutto a livello economico.

Non ci spaventiamo però perché, questi tipi di formati possiamo trovarli in quasi tutti i registratori vocali basta solo avere un po’ di pazienza e cercare quello adatto a noi e soprattutto quello che soddisfa il nostro portafoglio.

Conclusioni

Siamo giunti quindi alle conclusioni di questo articolo. Abbiamo parlato di tutti i tipi di formati che possiamo incontrare durante la nostra ricerca sui registratori vocali.

Certo, mi rendo che non è facile scegliere il registratore vocale che fa il caso nostro. Come abbiamo potuto capire Infatti, i registratori vocali sono dotati di tanti metodi di registrazione, bisogna solo scegliere quello che fa al caso nostro.
Infatti per ogni tipo di registrazione c’è bisogno di un formato diverso di audio.

Infatti, nel registratore si ha la possibilità di scegliere il tipo di formato audio. Una volta che abbiamo avremo la possibilità, anche una volta scaricato, di  cambiarlo in un formato che più ci piace.

Se abbiamo poca batteria un trucchetto è scegliere il formato di audio più basso in assoluto in modo tale che durante la registrazione non sia necessaria troppa batteria per poter registrare.

In questo modo, avremo un audio abbastanza discreto ma al contempo riusciremo a registrare tutta la conversazione senza essere interrotta da una piacevole batteria scarica.

Laureata in scienze dell’educazione e della formazione mi piace condividere ed educare gli altri ad essere più consapevoli di se stessi e del mondo di cui fanno parte. Mi piace la tradizione ma la mia vera passione è la tecnologia e tutto ciò che ne comprende. Mi piace l’idea di educare ad una tecnologia consapevole senza abbandonare la tradizione.

Back to top
menu
miglioriregistratorivocali.it